IPPNW-EUROPE.ORG

www.ippnw-europe.org  | it | Armi nucleari
Sunday, 17. November 2019

L’Italia aderisca al TPNW

Una mozione in Senato

01.06.2019 Una mozione in Senato. Una richiesta ufficiale affinché il governo italiano disponga i passi necessari affinché anche il nostro Paese aderisca al Trattato per la proibizione delle armi nucleari. Supportato da IALANA – International Association of Lawyers for the Abolition of Nuclear Arms – e da altri partner e membri di ICAN in Italia, il documento presentato in Parlamento il 29 maggio scorso nella sua premessa ha illustrato nel dettaglio l’approvazione in sede ONU del Trattato – 122 Paesi a favore, 70 firmatari e 23 ratifiche in data attuale – e la motivazione grave che è stata alla base del lungo percorso che dagli anni passati ha portato alla sua stesura: Premessa fondamentale del Trattato è il riconoscimento, di particolare rilievo in uno strumento giuridico internazionale, delle “catastrofiche conseguenze umanitarie” delle armi nucleari, e che la loro completa eliminazione “rimane il solo modo per garantire che esse non siano mai usate in qualsiasi circostanza”.

20.09.2018 Il 26 settembre, giornata dedicata dall’ONU al disarmo nucleare, le Associazioni WILPF Italia, Donne in Nero, Disarmisti Esigenti, Pax Christi, Comboniani, IPPNW (medici contro il nucleare) consegneranno alle massime istituzioni italiane le migliaia di FIRME raccolte in più parti del Paese, perché l’Italia firmi e ratifichi il TPAN (Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari). E’ l’epilogo di un iter durato vari mesi, con una corrispondenza con la Presidenza della Repubblica.

lesen

30.08.2018 Il 28 Agosto scorso il Senato della California ha approvato, con 22 voti favorevoli contro 8, la risoluzione AJR 33 che invita il governo federale ad aderire al Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN), a fare del disarmo nucleare la chiave di volta della politica di sicurezza nazionale e a guidare uno sforzo globale per prevenire la guerra nucleare. Monique Limón, membro dell’Assemblea di Santa Barbara, ha presentato la Risoluzione insieme a Bill Monning, già direttore esecutivo globale di IPPNW (International Physicians for the Prevention of Nuclear War). Nella risoluzione si sottolinea che dal culmine della Guerra Fredda, gli Stati Uniti e la Russia hanno smantellato più di 50.000 testate nucleari, ma 15.000 di queste armi esistono ancora e rappresentano un rischio intollerabile per la sopravvivenza dell’Umanità.

lesen

Trattato per la proibizione delle armi nucleari

7 luglio, un anno dopo. Good News!

07.07.2018 Oggi 7 luglio, un anno dall’approvazione del Trattato per la proibizione delle armi nucleari. Ed ecco due Good News che accendono di più la speranza:

   - Ieri lo Stato della Costa Rica ha depositato il suo strumento di ratifica per il Trattato delle Nazioni Unite sul divieto delle armi nucleari. A tutt’oggi sono allora 11 gli Stati che lo hanno ratificato e 59 i firmatari. Il Costa Rica è stato uno dei primi favorevoli del trattato e il suo ambasciatore di Ginevra, Elayne Whyte Gómez, ha presieduto le negoziazioni storiche dello scorso anno. Il 7 luglio 2017, in seguito all’adozione del Trattato, commentò: “Siamo riusciti a seminare i primi semi di un mondo libero dalle armi nucleari”. L’assemblea legislativa della Costa Rica votò all’unanimità a favore della ratifica del trattato a marzo, riflettendo l’ampio sostegno del Paese per il disarmo nucleare.
   - Ritornando tra i confini europei: un sondaggio tra quattro Stati – Belgio, Olanda, Germania e Italia – aderenti alla NATO e detentori di armi nucleari, ha confermato una maggioranza di favorevoli alla loro rimozione e alla firma del Trattato, nonché contrari ad investimenti nel nucleare da parte di istituti finanziari e all’acquisto dei nuovi aerei F35 capaci di portare armi nucleari.

Peacelink, 4 gennaio 2018

Si attiva un filo rosso di comunicazione tra le due Coree

04.01.2018 Dalla dichiarazione congiunta tra IPPNW, ICAN e il Governatore della provincia di Gangwon, alla riapertura delle comunicazioni tra le due Coree in vista dei Giochi Olimpici Invernali.

Il 19 dicembre scorso, una delegazione composta da membri del direttivo di IPPNW e ICAN, assieme al Governatore della Provincia di Gangwon – regione dove si terranno i Giochi – dalla Zona Demilitarizzata tra le due Repubbliche ha rilasciato una dichiarazione congiunta con l’appello specifico ai leader delle due Coree, Stati Uniti, Cina, Giappone e Russia, perché si accordino per avviare urgenti negoziati di pace.

FNOMCEO, 7 dicembre 2017

Nobel per la Pace a ICAN giusto riconoscimento del lavoro di anni

Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Comunicato Stampa

07.12.2017  La FNOMCeO, Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, saluta l’attribuzione del Premio Nobel per la Pace 2017 ad ICAN, Organizzazione Internazionale per l’Abolizione delle Armi Nucleari, fondata nel 2007 dall’Internazionale Medici per la Prevenzione della Guerra Nucleare, già destinataria del Premio Nobel per la Pace 1985. All’interno di questa organizzazione opera  anche la sezione italiana, fondata da membri del Comitato Scientifico Italiano “Medicina per la Pace” in occasione dell’organizzazione del I Incontro Scientifico Internazionale per la Prevenzione della Guerra Nucleare che si tenne nel marzo 1983 a Roma nel pieno della Guerra Fredda e del riarmo nucleare in Europa. In quell’occasione furono ospitati lo scienziato medico americano Bernard Lown e sovietico Eugene Chazov che avevano voluto l’Internazionale Medici proprio per promuovere un movimento globale di medici finalizzato a prevenire la guerra nucleare e il disarmo nucleare in Europa.

lesen

Peacelink, 23 agosto 2017

L'ONU adotta il divieto delle armi nucleari. Stati Uniti e altre potenze nucleari continuano il boicottaggio

23.08.2017 All’Assemblea delle Nazioni Unite, venerdì 7 luglio, è stato votato a larghissima maggioranza il ‘Nuclear Ban’, un Trattato vincolante che mette fuori legge tutte le armi nucleari, sia le testate esistenti (in mano a Stati Uniti, Russia, Regno Unito, Francia, Cina, India, Pakistan, Israele, Nord Corea) sia lo sviluppo di nuovi sistemi d’arma nucleare. Il testo del trattato è stato approvato con 122 voti favorevoli, un voto contrario (Olanda) e un astenuto (Singapore). Dopo anni di lavoro per rendere il Trattato una realtà, pur se ostacolati dai paesi che possiedono armi nucleari e dai paesi NATO (Italia compresa), si può dire finalmente che c’è un Trattato che può permettere di liberarsi dalla minaccia nucleare.

Pressenza, 7 luglio 2017

Trattato di messa al bando delle armi nucleari, una svolta storica

07.07.2017 Sono passati quasi 72 anni da quando nell’ambito del progetto MANHATTAN gli Stati Uniti il 16 luglio 1945 alla fine della seconda guerra mondiale hanno fatto esplodere la prima bomba nucleare a fissione sulla base di un dispositivo di plutonio. Con questo sviluppo tecnico militare scoperto dai fisici tedeschi ed italiani l’umanità ha intrapreso un percorso di armamento nucleare che ha rischiato ben 20 volte la sua estinzione, secondo l’ex ministro della difesa americana McNamara.

Pressenza, 3 luglio 2017

Verso l’adozione di un Trattato di divieto nucleare forte il 7 luglio

03.07.2017 Lunedì 26 giugno, la conferenza delle Nazioni Unite finalizzata alla negoziazione di un trattato di divieto delle armi nucleari ha affrontato la prima lettura di una bozza di testo rivista del trattato elaborato dal presidente della conferenza, l’ambasciatrice costaricana Elayne Whyte. Dopo due settimane di questo round finale, molti partecipanti hanno espresso perplessità di fronte a questo ulteriore scambio di posizioni e di punti di vista: con l’orologio che segnava la fine del convegno e la data del 7 luglio prevista per l’adozione di un trattato condiviso, molti delegati hanno espresso la loro volontà di entrare nel merito del testo del trattato paragrafo per paragrafo, riga per riga.

Italia Oggi, 08.12.2016

In tre anni le banche hanno investito indirettamente quasi 500 mld di $ nell'industria delle armi nucleari

08.12.2016 Tra gennaio 2013 e agosto 2016 le banche di tutto il mondo hanno investito - indirettamente - quasi 500 miliardi di dollari (l’equivalente di 470 miliardi di euro) nell’industria delle armi nucleari, attraverso strumenti come prestiti ed emissioni di azioni e obbligazioni.

IPPNW-Italy, 13.5.2015

NPT. Un quiz

13.05.2015 Potete elencare gli Stati nucleari "ufficiali" aderenti al NPT? Se avete detto Stati Uniti, Russia, Regno Unito, Francia e Cina ... vi sbagliate. No, questa non era una domanda trabocchetto che avesse qualcosa a che fare con la Corea del Nord. Il fatto è che il Trattato sulla non proliferazione delle armi nucleari non contiene una sola parola che conferisca alcun tipo di status speciale ai suoi cinque membri dotati di armi nucleari.

Non compare mai la parola "ufficiale". E nemmeno la parola "riconosciuto". Né qualsiasi altra parola che alluda anche solo alla nozione che questi cinque Stati abbiano un diritto, temporaneo o meno, sulle armi nucleari che avevano quando hanno aderito al trattato (Francia e Cina non furono nemmeno Stati membri fino al 1992).

L'Espresso, 01.06.2014

Ecco le 70 bombe nucleari in Italia

Venti ordigni americani nella base bresciana di Ghedi. Che i caccia della nostra Aeronautica possono sganciare in ogni momento. Altri 50 nei bunker Usa di Aviano. Una presenza che costa cara. Con rischi, problemi di spesa e accordi tenuti segreti

C'è un angolo della provincia di Brescia dove la Guerra Fredda non è mai finita. Negli hangar dell'aeroporto di Ghedi ci sono ancora oggi caccia italiani pronti al decollo per andare all'attacco con bombe nucleari sotto le ali. Incredibile? Non è la sola rivelazione sull'arsenale atomico attivo nel nostro Paese. Una ricerca della Fas, Federation of American Scientists , documenta come l'Italia custodisca il numero più alto di armi nucleari statunitensi schierate in Europa: 70 ordigni su un totale di 180. E siamo gli unici con due basi atomiche: quella dell'Aeronautica militare di Ghedi e quella statunitense di Aviano (Pordenone). Due primati che comportano spese pesanti a carico del governo di Roma: spese che, a 25 anni dalla fine della Guerra fredda e degli incubi nucleari, appaiono ingiustificabili.

Nuove regole per il settore Difesa

una proposta di legge che serve

Cinque "garanti" per un'Autorità di controllo sulle spese militari e sulle conseguenti compensazioni industriali, un organismo che sia da ponte tra le decisioni del Governo e il voto parlamentare. Un tetto di spesa da non superare oltre quanto preventivato in contratti di acquisizione per la Difesa. E' questo in sintesi l'obiettivo della proposta di legge 1917 - un progetto condiviso da 44 deputati PD e forte di quasi 30.000 firme raccolte da cittadini nel web - presentata mercoledì 14 maggio dal promotore on. Paolo Bolognesi, presidente dell’Associazione delle Vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980 e membro della Commissione Difesa della Camera.

lesen

Disarmo nucleare: a Fiesole dal 15 al 31 marzo la mostra “SenzAtomica”

Sala del Basolato del Municipio

12.03.2014 Sabato 15 marzo alle 10.30 nella Sala del Basolato del Municipio (piazza Mino) viene inaugurata la mostra “Senzatomica. Trasformare lo spirito umano per un mondo libero da armi nucleari”, organizzata dall’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai in collaborazione con il Comunale di Fiesole. L’esposizione, che sarà visitabile gratuitamente fino al 31 marzo (orario 9 – 19, mentre il 31 fino alle 13), si inserisce nel contesto di una campagna che mira alla creazione di un movimento di opinione per l'elaborazione e l'adozione di una Convenzione Internazionale sulle Armi Nucleari per il disarmo nucleare totale. Presentata dall’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai nel febbraio 2011 presso la Camera dei Deputati e insignita dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con una medaglia quale premio di rappresentanza, la mostra è stata già esposta in 26 comuni d’Italia e visitata da oltre 120.000 persone.

15.02.2014 Parlo a nome della Campagna internazionale per l'abolizione delle armi nucleari, una coalizione di oltre 350 organizzazioni in 90 Paesi.

Ci è stato dato nel corso degli ultimi due giorni un ricordo agghiacciante di ciò che sono e cosa fanno le armi nucleari.
Esse non portano sicurezza. Esse portano morte e distruzione su una dimensione che non può essere giustificata per alcun motivo.

lesen

13.02.2014 Un anno dopo. La conferenza di Oslo "Humanitarian Impact of Nuclear Weapons" di cui ampiamente parlammo su queste pagine, per la prima volta portò al mondo un approccio totalmente diverso sui temi del disarmo atomico. Al termine degli incontri di Oslo, coronati da un enorme successo di interesse internazionale e di riscontri positivi da parte di governi, ONG e altri partner della Società Civile, venne annunciato un secondo appuntamento, questa volta a Nayarit, nel Messico.

lesen

Dopo Oslo, dal Movimento israeliano per il Disarmo

Israele non ha partecipato alla Conferenza di Oslo.

Ma il Movimento israeliano per il disarmo (RPM) ha preparato un breve video molto bello, come contributo dalla propria "Società Civile" agli sforzi mondiali per il disarmo nucleare. Eccolo.

lesen

Guerra nucleare tra India e Pakistan

Ecco cosa accadrebbe secondo IPPNW

10.12.2013 Sono scenari apocalittici quelli descritti da uno studio condotto dall'International Physicians for the Prevention of Nuclear War and Physicians for social responsibility (Psr), la più grande associazione medica guidata dagli Stati Uniti che studia le minacce legate alla proliferazione e all'impatto nucleare.

lesen

Riparliamo di rischio nucleare?

13.02.2013 Italiani distratti? Sì ma non per colpa loro. Soprattutto di questi tempi in cui l'imminente scelta elettorale scalda gli animi di candidati e simpatizzanti, ma ahimé su argomenti prettamente nazionali, incanalati nel gossip di tanti media avidi di share. E la situazione mondiale? E i conflitti più o meno vicini? I morti e i danni ingenti a beni e persone? E l'inasprirsi dei rapporti tra le due grandi potenze, USA e Russia, territori in  cui territori sono tuttora disseminati ordigni bellici inesplosi, quelle armi nucleari che dal crollo del Muro di Berlino sembravano diventate, ormai, vecchi ricordi di un passato fuggito altrove? Diciannovemila bombe sono ancora ammassate qua e là per il pianeta: riusciamo a renderci conto della "spada di Damocle" ancora incombente su di noi?

Appuntamento a Oslo

01.03.2013 In questi giorni si é tenuto un importante evento ad Oslo, Norvegia: il 4 e 5 marzo è stata inaugurata la Conferenza diplomatica "Humanitarian Impact of Nuclear Weapons", tema scottante che vede riuniti i rappresentanti di almeno 120 Stati. Il notevole incremento di presenze rispetto all'edizione precedente, é stato considerato un fatto considerato molto positivo.

La più disumana delle armi

Si puó affermare che la maggior parte dei cittadini di tutto il mondo convenga sul fatto che le armi nucleari siano da considerare disumane. Per tale motivo, é incoraggiante sapere che si é recentemente costituito un movimento, che sulla base di questa premessa, lotta per la messa al bando delle armi nucleari.

Alleati contro la Bomba

Dall'intervento del dott. Michele Di Paolantonio, all'assemblea plenaria conclusiva del Congresso Nazionale FIMMG 2011, ricordiamo il ruolo fondamentale svolto dall'Internazionale Medici nelle vicende che liberarono l'Europa dai missili a medio raggio, traendone un utile spunto per promuovere nelle proprie città, azioni culturali e istituzionali a favore del disarmo.